spagna scommesse

Spagna, ‘distanziometro’ anche alle Baleari: i dettagli della Legge sul Gioco

Il ‘distanziometro’ sbarca anche in Spagna, o meglio, nelle Baleari, che sono un’autonomia all’interno della sovranità spagnola. Il governo delle famose Isole ha infatti stabilito che sale giochi e casinò devono avere tra loro una distanza minima di 500 metri nel caso di Palma e 250 metri nei villaggi.

A riportarlo è il sito d’informazione online “PressGiochi”.

Lo scorso venerdì, infatti, sono stati approvati dal Consell de Govern alcuni decreti riguardanti proprio la Legge sul gioco: da qui le nuove regole, che entreranno subito in vigore.

“La novità principale – spiega il ministro del Lavoro, del Commercio e dell’Industria, Iago Negueruela – è che Bruxelles ha dato la sua approvazione alle norme per i casinò e le sale scommesse dedicate alle scommesse sportive e quindi con queste nuove norme verrà evitata la concentrazione. Siamo l’unica autonomia che stabilisce questa limitazione, perché l’obiettivo non è quello di avere strade come Las Vegas. Questa regola è stata concordata con tutte le parti interessate, ovvero i datori di lavoro del settore del gioco e i sindacati”.

E non è tutto. Come richiesto dal Consell Consultiu, nella nuova Legge sul gioco sono inseriti anche altri aspetti, come quello relativo alla massimizzazione della protezione dei minori e altre questioni riguardanti la ludopatia.

Infine, le succursali: Maiorca, Maò e Eivissa potranno averne una in ciascuna delle isole dove operano attualmente, “ma in nessun caso – spiega la Legge – possono superare il 60% dell’estensione della sede principale”.

1 thought on “Spagna, ‘distanziometro’ anche alle Baleari: i dettagli della Legge sul Gioco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *