Scommesse USA, a dicembre la verità: il New Jersey ci crede

Scommesse USA, a dicembre la verità: il New Jersey ci crede

Il prossimo mese di Dicembre potrebbe rappresentare un punto di svolta nella storia degli Stati Uniti. Per quella data, infatti, è prevista la sentenza della Corte Suprema in materia di gioco d’azzardo. La questione riguarda lo stato del New Jersey, ma se la Corte dovesse dare ragione ai ricorrenti si scatenerebbe una sorta di effetto domino in tutti gli Stati Uniti, con la conseguente liberalizzazione definitiva del mercato delle scommesse sportive. Tutto questo senza dimenticare che l’attuale presidente USA, Donald Trump, si è sempre espresso con toni favorevoli ad un’eventuale regolamentazione.

“Se la Corte Suprema darà ragione al New Jersey, assisteremo al più grande cambiamento nella storia del gioco negli Stati Uniti”. Non ha dubbi David Rebuck, director of gaming enforcement del New Jersey, che si dice già soddisfatto della volontà della Corte Suprema di discutere la questione. “Ci offre l’opportunità di fare finalmente chiarezza”.

Le scommesse sportive negli USA sono vietate dal 1992, ovvero da quando il divieto fu introdotto dalla legge cosiddetta PASPA (Professional and Amateur Sports Protection Act of 1992): proprio ad essa si oppone il New Jersey, che vuole così ribaltare la legge federale e abbattere il proibizionismo statunitense in materia di scommesse.

La regolamentazione del mercato del gioco, secondo Rebuck, è ormai divenuta fondamentale vista l’evoluzione del mercato stesso. “Serve per tutelare i giocatori – conclude il director of gaming enforcement del New Jersey – che altrimenti si rivolgerebbero a un mercato parallelo ma non autorizzato”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *