sala scommesse livorno

Livorno, rapina alla sala scommesse: preso un 47enne, rischia 4 anni di carcere

E’ durata soltanto due giorni la “pacchia” per un uomo di 47 anni di Venturina Terme, frazione del comune di Campiglia Marittima, in provincia di Livorno. L’uomo era riuscito nell’intento di rapinare una sala slot del centro commerciale La Monaca, situato proprio nel centro del paese. Il tutto era accaduto la mattina di martedì 17 ottobre.

Dei 3700 euro del bottino, il 47enne ne ha spesi circa 2000 in un’altra sala scommesse a Follonica, mentre il resto è stato utilizzato per pagare alcune bollette. Le indagini delle forze dell’ordine del posto hanno permesso di risalire all’identità del 47enne molto rapidamente: la squadra anticrimine lo ha incastrato dopo aver perquisito la sua abitazione a Venturina, dove l’uomo svolge la professione di operaio. Le sue iniziali sono A.P. L’uomo, come riferito dalla stessa polizia, è affetto da ludopatia: accusato di rapina aggravata dall’uso del coltello e dal “travisamento” del volto, rischia almeno quattro anni di carcere.

Per risalire all’identità del 47enne, le forze dell’ordine si sono servite delle telecamere dei vari esercizi commerciali adiacenti alla sala scommesse, dato che quelle dell’esercizio rapinato non erano riuscite a registrare nulla nè all’entrata nè all’uscita. In una di queste, si vede chiaramente il responsabile del furto mentre parcheggia la vettura – una Fiat Bravo – indossa felpa con cappuccio e occhiali da sole, si dirige verso la sala scommesse e dopo qualche minuto riappare correndo. La targa della vettura è stata individuata grazie ad una seconda telecamera, quella di un distributore di benzina dove l’uomo si era fermato a fare rifornimento.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *