bilancio scommesse

Legge di Bilancio, Conte (AP-NCD): “Da gara scommesse previsto introito di 410 milioni”

La Commissione Istruzione del Senato, nella giornata di ieri, ha avviato l’esame della Legge di Bilancio. Nell’ambito della discussione sul “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2018 e bilancio pluriennale per il triennio 2018-2020”, è stato il relatore Franco Conte (Alleanza Popolare – Nuovo Centrodestra) a riferire in merito alla tabella 2, denominata “Stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze per l’anno finanziario 2018 e per il triennio 2018-2020” e riguardante lo sport.

In sintesi, il relatore Conte ha riepilogato gli stanziamenti di competenza per la missione “Giovani e Sport”, che per il 2018 ammontano a 801,85 milioni di euro, mentre quelli di cassa sono pari a 811,85 milioni. Cifre che evidenziano un calo rispetto al 2017.

Infine, il relatore Conte ha riferito in merito al comma 2 dell’articolo 90, illustrandone i contenuti e affermando che “per contemperare il principio per cui le concessioni pubbliche sono attribuite secondo procedure di selezione concorrenziali con l’esigenza di perseguire, in materia di concessioni di raccolta delle scommesse su eventi sportivi, anche ippici, e non sportivi, ivi compresi gli eventi simulati, un corretto assetto distributivo, l’Agenzia delle dogane e dei monopoli attribuisce con gara da indire entro il 30 settembre 2018 le relative concessioni alle condizioni già previste all’articolo 1, comma 932, della legge n. 208 del 2015, con un introito almeno pari a 410 milioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *