match fixing spal

Match fixing, la SPAL a “lezione”: prosegue la lotta alle frodi sportive

Prosegue la sinergia tra le forze dell’ordine e i team di Serie A per prevenire e contrastare uno dei fenomeni più inquietanti in materia di sport, ovvero il match fixing. La corruzione negli ambienti sportivi legata alle scommesse, specialmente nel calcio, è sempre più presente, e l’attività congiunta fa sì che i calciatori e le società conoscano a fondo il meccanismo, in modo tale da riconoscerlo e combatterlo.

Stavolta è toccato alla SPAL, la gloriosa società calcistica di Ferrara tornata nella massima serie dopo 49 anni, ospitare il progetto “Per l’integrità del gioco: formazione in campo contro le frodi sportive” promosso dalla Lega Serie A, Sportradar e l’Istituto per il Credito Sportivo.

Come spiegato dall’ANSA, l’incontro ha preso il via con il workshop rivolto alla prima squadra, ed è continuato con i ragazzi di Primavera e Under 17.

Durante gli incontri vengono analizzati nel dettaglio gli aspetti legati al controllo delle competizioni sportive, all’analisi dei flussi di scommesse e alle dinamiche legali legate al match-fixing, che consiste nella corruzione dei calciatori di una o di entrambe le squadre con l’obiettivo di alterare il risultato delle gare.

“Le frodi e la manipolazione dei risultati sportivi – afferma all’ANSA Marcello Presilla, responsabile Integrity per l’Italia di Sportradar Ag, società partner Uefa specializzata nell’analisi e monitoraggio dei flussi di scommesse e nella lotta alle frodi sportive – rimangono un tema di grande attualità. Sportradar, grazie alla partnership con la Lega di A e il Credito Sportivo, prosegue la sua attività di formazione dei calciatori per rafforzare la cultura della legalità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *