snaitech scommesse bilancio

Scommesse, bilancio positivo per Snaitech. Schiavolin: “Chiuderemo in utile dopo 10 anni”

Il bilancio del 2017 per il gruppo Snaitech è da considerarsi più che positivo. Ad affermarlo è lo stesso amministratore delegato del brand, Fabio Schiavolin, che conferma la convinzione di chiudere in utile “per la prima volta dopo 10 anni”.

Un bilancio come detto positivo, nonostante l’assenza di grandi manifestazioni sportive internazionali (Europei, Mondiali, Olimpiadi) e la “batosta” relativa all’eliminazione dell’Italia dai Mondiali di Russia 2018.

Schiavolin, senza usare giri di parole, ha definito la debacle azzurra “un dramma dal punto di vista emotivo e di costume”, che avrà ripercussioni “anche sui grandi numeri del mondo delle scommesse e provocherà una mancanza di traino nella raccolta”.

“Secondo le nostre stime – afferma l’amministratore delegato sul sito online “Gioconews” – un Mondiale senza Italia avrà come contraccolpo un taglio del 20-25 percento della raccolta. Il che però non è un dato che si riflette immediatamente sulla marginalità perchè la scommessa sulla nazionale è quella tipica del tifoso che punta sulla sua squadra, sempre e comunque a prescindere. È però potenzialmente ‘pericolosa’ perchè con allibramenti buoni e favorevoli poi non sempre questo ha coinciso con un aumento dei margini”.

Questa brutta pagina per il calcio italiano deve rappresentare lo stimolo per rimboccarsi le maniche e ricominciare, magari pensando ad alcune novità. “Anche come Snaitech dovremo inventarci qualcosa – ha concluso Schiavolin – e ci stiamo già ragionando sopra”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *