Terracina, polizia sequestra agenzia di scommesse illegale

Fine della “pacchia” per un’agenzia di scommesse che operava nel pieno centro cittadino di Terracina. Gli agenti della squadra di polizia amministrativa e sociale del commissariato del centro laziale hanno provveduto a sequestrare i locali della sala scommesse, che si ‘appoggiava’ su una società con sede a Malta.

Le irregolarità sono emerse dopo un’attenta indagine portata avanti dalle forze dell’ordine su tutto il territorio. Un monitoraggio molto dettagliato che ha permesso di scoprire come il titolare della sala scommesse di Terracina, un 33enne incensurato, non aveva mai richiesto autorizzazione e licenze per svolgere la sua attività di raccolta scommesse.

Ma il comportamento illegale del 33enne andava anche molto oltre. L’uomo, infatti, aveva anche allestito due postazioni complete di terminali, oltre a tre monitor per la visione degli eventi sportivi. Il tutto collegato ad un bookmaker di Malta (anch’esso senza autorizzazioni) tramite una connessione in rete.

Gli approfondimenti operati dalla polizia amministrativa, organizzate nell’ambito di mirati servizi predisposti dalla questura di Latina, hanno fatto così emergere le pesanti anomalie. Per questo, la pm dott.ssa Luigia Spinelli e la g.i.p. del tribunale di Latina dott.ssa Mara Mattioli hanno disposto il sequestro preventivo dell’immobile con conseguente cessazione dell’attività illecita.

Il titolare dell’agenzia di scommesse dovrà ora rispondere del reato di esercizio abusivo di attività di gioco e scommesse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *