cassazione scommesse

Raccolta illecita, Cassazione conferma condanne per membri di sodalizio criminoso

Raccolta illecita di gioco attraverso apparecchi senza concessione e totem. Un reato che aveva fatto scattare delle condanne nei confronti di alcuni membri di un sodalizio particolarmente dedito al crimine. Sentenze che sono state confermate dalla Cassazione nella giornata di ieri.

“Occorre osservare che la contestazione, diversamente da quanto parrebbe rilevare la difesa del ricorrente – si legge nel dispositivo della Corte di Cassazione – non riguarda soltanto la partecipazione ad un sodalizio criminoso diretto unicamente alla gestione, con modalità illecite, di giochi e scommesse online, ma anche alla evasione delle imposte sugli ingentissimi redditi conseguiti dallo svolgimento di tali attività, che non venivano inclusi, dagli associati, nelle rispettive dichiarazioni dei redditi. Ne consegue che, già sotto tale aspetto, sussistono gravi indizi di colpevolezza”.

Nella sentenza della Cassazione viene confermato per intero l’impianto accusatorio. “L’associazione avrebbe operato attraverso una società che avrebbe prodotto videogiochi e apparati elettronici illeciti del tipo new slot e totem, sprovvisti della necessaria concessione dei Monopoli di Stato, provvedendo quindi alla distribuzione, a beneficio dei titolari di locali pubblici siti su tutto il territorio nazionale, dei predetti apparati, sui quali, secondo l’ipotesi di accusa, sarebbe stato installato un software , a sua volta funzionante tramite collegamento ad un sito greco i cui dati venivano immagazzinati sul server di una società olandese di cloud computing”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *