guardia di finanza scommesse

Scommesse, controlli GdF a Sarno (SA) e Carpi (MO): denunce e sospensioni

Le forze dell’ordine e la Guardia di Finanza sono impegnate su tutto il territorio nazionale per cercare di contrastare ogni forma di illegalità all’interno delle sale scommesse e dei locali dove si pratica gioco d’azzardo. In molti blitz, agenti e finanzieri riescono a scoprire diverse irregolarità, procedendo a denunce, sequestri di materiale e sanzioni molto care nei confronti dei titolari.

Gli ultimi episodi riguardano la Campania e l’Emilia Romagna. A Sarno, in provincia di Salerno, la Guardia di Finanza di Scafati ha scoperto alcuni bar ed esercizi commerciali che agivano mascherati da enti no-profit. Le Fiamme Gialle sono riuscite a risalire all’inghippo grazie alcuni controlli svolti nei confronti di enti non commerciali con scopi socio-culturali. Un’operazione che ha fatto emergere la chiara violazione da parte delle attività finite sotto il mirino della GdF. In particolare, le Fiamme Gialle hanno provveduto a denunciare alla Procura della Repubblica di Nocera Inferiore il titolare di un bar per la detenzione vietata di slot senza esporre la tabella dei giochi proibiti ai minori.

Molti controlli anche a Carpi, in provincia di Modena. A finire sotto la lente dei finanzieri sono state diverse attività gestite da un gruppo di cinesi, tra cui anche delle sale slot. Ne è venuto fuori che il gestore di una sala lasciava accedere al locale dei minorenni, a cui veniva anche permesso di giocare. Per questo motivo l’attività è stata sospesa per 20 giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *