gioco legislatura ddl

XVIII legislatura al via, già 5 disegni di legge sul gioco

La quadra per formare il nuovo Governo sembra ancora piuttosto lontana, ma di certo i primi segnali con l’elezione dei presidenti delle Camere sono arrivati. Il Movimento 5 Stelle si è sostanzialmente accordato con Salvini per eleggere allo scranno più alto della Camera il pentastellato Roberto Fico, mentre alla presidenza del Senato è andata la forzista Elisabetta Casellati, pasdaran di Silvio Berlusconi. Un’operazione che lascia immaginare come M5S e Lega tenteranno di raggiungere un’intesa per la formazione di una maggioranza parlamentare, che andrebbe inevitabilmente a rompere l’unità del centrodestra.

A prescindere dalle manovre dei vari gruppi parlamentari, la XVIII legislatura è ufficialmente partita, e l’interesse per il settore giochi sembra essere già piuttosto alto sia alla Camera che al Senato. Nel primo giorno di lavoro, infatti, sono stati presentati già 5 disegni di legge. Il senatore Antonio De Poli, presidente dell’UDC, ha presentato un testo che contiene “Modifiche all’articolo 110 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, di cui al regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, in materia di installazione e di impiego di apparecchi e congegni per il gioco d’azzardo nei locali pubblici”. Alla Camera, invece, Giorgia Meloni è risultata essere la prima firmataria di un ddl contenente “Norme per la prevenzione e il contrasto del gioco d’azzardo patologico, nonché in materia di pubblicità del gioco d’azzardo, di tutela dei minori e di disciplina dell’apertura di sale da gioco”. Silvana Comaroli ha invece presentato un ddl sulla pubblicità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *