reggio emilia gioco scommesse

Manovrina 2017, super taglio per le slot: da 400mila a 265mila unità

La Manovrina 2017 interessa anche le slot machine ed entra finalmente nel vivo. L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha infatti firmato il decreto che stabilisce lo smaltimento dei macchinari: un taglio che comporterà l’abbattimento e la distruzione di 135mila apparecchi. Si passerà infatti dai 400mila attuali alle 265mila unità.

Come riferisce l’Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco (AGIMEG), i proprietari degli apparecchi dismessi hanno sei mesi di tempo per procedere allo smaltimento o alla distruzione delle slot. In alternativa a queste operazioni, gli apparecchi dismessi possono essere ceduti e trasferiti ai produttori di apparecchi da gioco o all’estero.

Sarà obbligo dei proprietari procedere successivamente alla comunicazione dell’avvenuta effettuazione delle operazioni “ai competenti Uffici territoriali dell’ADM, secondo modalità e tempistiche indicate con successivo provvedimento”.

Nel frattempo in alcuni Comuni d’Italia si stanno adoperando delle iniziative volte a contrastare il fenomeno della ludopatia. E’ il caso di Sarcedo, comune in provincia di Vicenza, dove l’amministrazione ha deciso di ridurre la TARI (la tassa sui rifiuti) per i locali “no slot”. Il taglio, che sarà dell’80%, è riservato a tutti gli esercizi commerciali che rinunceranno, per almeno tre anni, all’uso degli apparecchi da gioco. Il comune di Cappelle sul Tavo (Pescara) ha fatto ancora meglio: i locali che decideranno di rinunciare alle slot saranno esentati totalmente dalla TARI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *