piacenza scommesse

Mancato rispetto del “distanziometro”, blitz dei carabinieri in otto agenzie salentine

Da tempo ormai le forze dell’ordine sono impegnate in tutto il territorio nazionale per contrastare ogni forma di illegalità all’interno delle sale scommesse e sale slot. Anche diverse Regioni si stanno attrezzando con delle leggi sul gioco che impongono limiti di orari e distanze dai luoghi cosiddetti sensibili (scuole, ma anche oratori, luoghi giovanili, ecc.) da rispettare categoricamente.

Anche nel Salento, le autorità stanno scandagliando tutti i centri scommesse e gli esercizi che dispongono di slot machine al fine di verificare il pieno rispetto delle regole.

I militari della Compagnia di Casarano si sono prodigati in uno specifico servizio finalizzato al contrasto della diffusione del gioco d’azzardo patologico. Tutto ciò che è emerso è stato prontamente segnalato ai rispettivi Comuni ed alla Questura di Lecce, affinchè vengano adottati provvedimenti di competenza nei confronti di 8 agenzie dove sono state ravvisate palesi irregolarità.

I centri scommesse, infatti, erano collocati a meno di 500 metri da strutture ritenute “sensibili” (ai sensi della legge regionale n. 43/2013), ovvero scuole, chiese, impianti sportivi, case di cura e altro.

Come riportato dal portale online “Piazzasalento”, le agenzie interessate sono quelle di via Matino, via Ferrari e via Ricasoli a Casarano, la rivendita di via Regina Margherita e il circolo di via don Luigi Sturzo a Taviano, il bar di via Garibaldi e il centro scommesse di piazza Beltrano a Racale e infine il centro scommesse di via San Francesco a Supersano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *