scommesse illegali usa

USA, Delaware e Mississippi pronti a lanciare le scommesse sportive

La sentenza della Corte Suprema, che ha accolto il ricorso del New Jersey e ha dato il là alla regolamentazione delle scommesse sportive in tutto il Paese, è stata giustamente definita “storica”. Il divieto resisteva dal 1992, ovvero dall’introduzione della legge PASPA che vietava le scommesse sportive in tutto il territorio USA, fatta eccezione per il Nevada e altri tre stati.

Negli ultimi mesi erano trapelate indiscrezioni che avevano già fatto presupporre questo scenario. A spingere per la regolamentazione anche le maggiori leghe americane, come l’NBA, l’NFL e la NHL. Senza dimenticare il grande impegno dell’American Gaming Association (AGA), che ha sempre sottolineato l’importanza della regolamentazione, sia in termini di introiti per lo Stato sia come stroncatura ai fondi della criminalità organizzata.

Come prevedibile, l’accoglimento del ricorso del New Jersey sta provocando una reazione a catena. Sono già molti gli Stati pronti ad accogliere le scommesse sportive: tra questi ci sono il Delaware e il Mississippi. Il primo godeva già di una certa “esenzione” dalla PASPA e ora ha intenzione di ampliare l’offerta; il Mississippi ha invece pubblicato una bozza di regolamento, dando 25 giorni di tempo agli operatori per esprimere le proprie osservazioni. La Gaming Commission approverà il regolamento nella seduta del 21 giugno: per far sì che il testo venga approvato in maniera definitiva servirà un mese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *