gazzoni bologna

Scommesse sportive, Gazzoni Frascara lancia l’allarme: “Stanno cancellando i valori sportivi”

Le scommesse sportive rappresentano un settore in costante crescita, come si evince anche dagli ultimi dati emersi dalle indagini effettuate: il 2016 si è chiuso con il segno “più” e già il mese di Gennaio ha fatto riscontrare un aumento delle giocate del 33% rispetto ad un anno fa.

Tuttavia, quella che sembra ormai una prassi consolidata nelle abitudini degli italiani (e non solo) non è ben vista da tutti. C’è sempre il rischio che le scommesse sportive possano rivelarsi un pericoloso ‘boomerang’ per la regolarità delle partite e dei campionati: l’allarme viene lanciato dall’ex presidente del Bologna, Giuseppe Gazzoni Frascara, che in un’intervista al Resto del Carlino ha evidenziato il calcio scommesse come una delle maggiori piaghe che attanagliano il calcio italiano.

“Oggi scoppiano casi legati alle scommesse, c’è un vorticoso giro di soldi che sta cancellando i valori sportivi”. Chiaro il riferimento di Gazzoni Frascara alla ben nota pratica del ‘match fixing”, di cui abbiamo parlato nei giorni scorsi e su cui si stanno mettendo in piedi diverse iniziative volte alla prevenzione e al contrasto, come ad esempio l’accordo tra la Fifa e Sportradar.

Gazzoni inoltre critica una misura introdotta da poco, ovvero quella del ‘paracadute’, che consente a molte squadre che retrocedono dalla serie A di ottenere un corposo indennizzo. “Le squadre di B vengono in A poi retrocedono prendendo decine di milioni grazie al “paracadute”. Nel caso del Palermo può valere anche cinquanta milioni – spiega Gazzoni Frascara – Così a centroclassifica non c’è più lotta. Così il Bologna non potrà mai andare in B e può dedicarsi a costruire un futuro importante”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *