Sempre più scommesse tra i giovani: l’allarme dell’Osservatorio

Sempre più scommesse tra i giovani: l’allarme dell’Osservatorio

Sempre più giovani finiscono nel tunnel della ludopatia e non riescono ad uscire dall’incubo del gioco d’azzardo. E’ quanto emerge dall’ultimo studio realizzato dall’Osservatorio Young Millennials Monitor di Nomisma. Nell’indagine, si evince che su un campione di 11mila giovani tra gli 11 e 19 anni, un minore su due è tentato dalle scommesse. Ma il dato che fa più riflettere è quello relativo alla ‘consapevolezza’: solo il 17%, infatti, ne avverte effettivamente la componente di rischio o dipendenza. I più giovani, attraverso il gioco, cercano di ottenere guadagni facili o quantomeno di mettere qualcosa in tasca vista la grande difficoltà odierna nell’avere un lavoro e pertanto un introito.

“Numeri che sono un segno inequivocabile del fascino che esercita il gioco – si legge nel rapporto dell’Osservatorio – Molti giovani (il 21%) iniziano a giocare per curiosità o per caso (20%); altri per semplice divertimento (18%), per il fatto che amici e familiari giochino (11%), o per la speranza di vincere una somma di denaro (11%). Dopo aver sfidato la sorte almeno una volta i giovani tendono a pensare che il gioco d’azzardo sia soprattutto una perdita di denaro (lo pensa il 32% degli studenti)”.

Nell’indagine emerge anche una sorta di profilo del ‘giocatore’ compreso tra i 14 e i 19 anni: si tratta in particolare di uomini, il 59% rispetto al 31% delle ragazze. A lanciarsi nel gioco sono principalmente quelli che frequentano gli istituti tecnici e professionali (58% e 52%) rispetto ai colleghi dei licei (42%). Molto influiscono anche i contesti familiari: se in alcuni nuclei la tendenza al gioco è già presente, la percentuale dei giovani scommettitori sale al 64% contro il 9% delle famiglie non giocatrici.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *