Rapina alle sale scommesse, arrestato 17enne

Per le forze dell’ordine è responsabile di ben due furti ad altrettante sale scommesse, una di Laterza, nel tarantino, e un’altra a Santeramo in colle, nel barese. Per questo un 17enne è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di rapina, detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti e porto abusivo di armi.

I fatti contestati al minorenne risalgono all’ottobre del 2016, quando due individui, con il volto coperto dal passamontagna e da una maschera, riuscirono ad introdursi furtivamente nei locali adibiti a sale scommesse – la “Intralot” di Latera e il “Punto Snai” di Santeramo – e ad impossessarsi rispettivamente di 7 e 12 mila euro. Il tutto minacciando i dipendenti con una pistola.

A ‘tradire’ i due soggetti è stato uno smartphone, che i malviventi avevano rubato durante la rapina messa a segno a Laterza per poi abbandonarlo successivamente nelle campagne di Sannicandro Garganico. Il telefono era stato poi ritrovato dai militari. Durante una perquisizione, il giovane è stato trovato in possesso di passamontagna, maschere, oltre alla replica di una pistola perfettamente simile ad un’arma vera. Non solo: la perquisizione operata nei confronti del 17enne ha permesso di rinvenire anche sostanze stupefacenti.

Il giovane, arrestato in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip della Procura della Repubblica per i minorenni, è stato condotto in una comunità di recupero in detenzione domiciliare. Le forze dell’ordine stanno indagando per risalire all’identità del suo complice e per verificare il loro eventuale coinvolgimento in altri analoghi episodi verificatisi nella provincia di Bari negli ultimi mesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *