snaitech scommesse

Scommesse, Snaitech perde terreno nei confronti degli altri competitors

Il Governo ha presentato nei giorni scorsi gli interventi correttivi al Documento di Economia e Finanza (DEF) che prevedono anche una maggiore tassazione sui giochi.

Va anzitutto segnalata la grossa crescita relativa al settore delle scommesse sportive. Un aumento che è nettamente percepibile un pò in tutta Europa. Snaitech, prima SNAI, con perdite in bilancio da 10 anni, non ha diversificato il segmento delle scommesse, rimanendo vincolata alle giocate sportive e ippiche. Altri player, quali ad esempio William Hill e Bwin, hanno diversificato i loro servizi puntando su casino’ online, poker, bingo e slot online, sviluppando anche il segmento delle scommesse online e aumentando considerevolmente i ricavi.

Stando a quanto sostenuto dai vari analisti, l’impatto negativo a regime, se non assorbito da una riduzione del pay-out (quota di utile da distribuire agli azionisti sotto forma di dividendo), potrebbe essere di 5-10 milioni di euro per Snaitech.

Entrando poi nel dettaglio degli altri interventi sul DEF, emerge come la nuova “tassa sulla fortuna” salirà dal 6 al 9% per le vincite superiori a 500 euro. Per quanto riguarda il gioco del “Lotto” il prelievo sulle vincite passerà dal 6 all’8%. Il PREU (prelievo erariale unico sulle slot) salirà al 19%, mentre quello sulle video lotterie è fissato al 6%.

In aggiunta il governo avrebbe allo studio l’anticipo della gara per il rinnovo della concessione del Gratta&Vinci in scadenza al 2019, da cui si prevede un incasso di 400 milioni, ma una tantum.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *