Scommesse, Snaitech perde terreno nei confronti degli altri competitors

Scommesse, Snaitech perde terreno nei confronti degli altri competitors

Il Governo ha presentato nei giorni scorsi gli interventi correttivi al Documento di Economia e Finanza (DEF) che prevedono anche una maggiore tassazione sui giochi.

Va anzitutto segnalata la grossa crescita relativa al settore delle scommesse sportive. Un aumento che è nettamente percepibile un pò in tutta Europa. Snaitech, prima SNAI, con perdite in bilancio da 10 anni, non ha diversificato il segmento delle scommesse, rimanendo vincolata alle giocate sportive e ippiche. Altri player, quali ad esempio William Hill e Bwin, hanno diversificato i loro servizi puntando su casino’ online, poker, bingo e slot online, sviluppando anche il segmento delle scommesse online e aumentando considerevolmente i ricavi.

Stando a quanto sostenuto dai vari analisti, l’impatto negativo a regime, se non assorbito da una riduzione del pay-out (quota di utile da distribuire agli azionisti sotto forma di dividendo), potrebbe essere di 5-10 milioni di euro per Snaitech.

Entrando poi nel dettaglio degli altri interventi sul DEF, emerge come la nuova “tassa sulla fortuna” salirà dal 6 al 9% per le vincite superiori a 500 euro. Per quanto riguarda il gioco del “Lotto” il prelievo sulle vincite passerà dal 6 all’8%. Il PREU (prelievo erariale unico sulle slot) salirà al 19%, mentre quello sulle video lotterie è fissato al 6%.

In aggiunta il governo avrebbe allo studio l’anticipo della gara per il rinnovo della concessione del Gratta&Vinci in scadenza al 2019, da cui si prevede un incasso di 400 milioni, ma una tantum.

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *