roma match fixing

Lotta al match fixing, corso di formazione per l’AS Roma

Proseguono le iniziative su tutto il territorio nazionale per far fronte all’emergenza corruzione nello sport, ed in particolare nel calcio, con massima attenzione sul mondo delle scommesse e sulle frodi che continuano a sporcare l’integrità di questo gioco.

Oltre all’azione capillare delle forze dell’ordine, da tempo si è intrapresa anche un’attività di prevenzione che vede coinvolte molte squadre di Serie A. Stavolta è toccato ai giocatori della Roma, che hanno partecipato al progetto “Per l’integrità del gioco: formazione in campo contro le frodi sportive”, realizzato dalla Lega Serie A con Sportradar AG, in collaborazione con l’Istituto per il Credito Sportivo. L’incontro si è tenuto presso la Sala Champions del Centro Sportivo di Trigoria, ed è stata l’occasione per approfondire una tematica molto delicata come il “match fixing”.

Prima squadra e giovanili del club hanno partecipato, in due sessioni differenti, insieme allo staff tecnico e ai dirigenti, ai workshop di formazione condotti dall’avvocato Marcello Presilla, responsabile Integrity per l’Italia di Sportradar AG – società, partner UEFA, specializzata nell’analisi e monitoraggio dei flussi di scommesse e nella lotta alle frodi sportive – che ha spiegato agli atleti il fenomeno del match-fixing in tutte le sue forme, illustrandone rischi e conseguenze.

Negli incontri, infatti, Presilla ha illustrato quelli che potrebbero essere gli identikit dei “fixers”, criminali che riescono ad adescare calciatori anche tramite ricatti e denunce.

“Rinnovare questo appuntamento – ha commentato Umberto Gandini, Amministratore Delegato AS Roma –  significa continuare a perseguire un sentiero chiaro e virtuoso. Siamo grati alla Lega Serie A, a Sportradar e all’ Istituto per il Credito Sportivo per questo evento, a cui la nostra società tiene in modo particolare”.

Marcello Presilla ha voluto ringraziare l’AS Roma “per la disponibilità e il grande interesse dimostrato su un tema cruciale per l’integrità del calcio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *