Giochi, nel 2016 in Francia raccolti quasi 10 miliardi di euro

Giochi, nel 2016 in Francia raccolti quasi 10 miliardi di euro

In Francia nel 2016 la raccolta sul gioco è stata pari 9,75 miliardi di euro, un dato in crescita dell’1% rispetto ai 9,53 miliardi dell’anno precedente.

A renderlo noto è l’Arjel, ovvero l’Autorità che regola il gioco via internet nel Paese, che vale l’8,3% del mercato totale. L’Arjel fa sapere che su lotterie tradizionali e istantanee (fisiche e online) sono stati puntati 4,17 miliardi di euro (il 43% del totale), sulle scommesse ippiche 2,16 miliardi (il 22% del totale), sulle slot nei casinò 1,93 miliardi (20%), sulle scommesse sportive 949 milioni (10%), sul poker e giochi da tavolo 306 milioni (3%) mentre sul poker online 230 milioni (2%).

Stando a quanto reso noto dall’Autorità che regola il gioco via internet in Francia – il tutto riportato da AGIMEG – il profilo del giocatore tipo delle scommesse sportive è un uomo (nel 91% dei casi) di età inferiore ai 35 anni che punta prevalentemente su calcio (in particolare Ligue1 e Champions League), tennis e basket.

Nel 2016 ogni scommettitore ha puntato in media 216 euro, soprattutto attraverso smartphone o tablet. Lo scommettitore ippico è invece di sesso maschile nell’83% dei casi, con più di 35 anni, e che punta soprattutto sulle corse di trotto. La spesa media lo scorso anno per ciascun scommettitore è stata di 483 euro. Infine, il profilo del giocatore di poker vede un uomo (89%) di età inferiore ai 35 anni che predilige la modalità a torneo rispetto a quella cash. La spesa media nel 2016 è stata pari a 236 euro, stabile rispetto al 2015 (234 euro). Complessivamente, per tutte le tipologie di gioco si contano 554 mila conti attivi a settimana, un dato in crescita dell’11%.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *