“Keep crime out of sport”, concluso il progetto europeo per contrastare il match fixing

“Keep crime out of sport”, concluso il progetto europeo per contrastare il match fixing

Dopo 18 mesi il Consiglio d’Europa, insieme ai suoi partner, ha concluso a Strasburgo il progetto “Keep Crime out of Sport” (KCOOS). A riferirlo è l’Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco (AGIMEG).

Il progetto ha come fino ultimo quello di verificare lo stato di avanzamento nell’adozione e nell’attuazione della convenzione di Macolin, adottata dal Consiglio d’Europa nel 2014. Tra gli obiettivi si segnalano la creazione di piattaforme nazionali, la condivisione delle informazioni tra i principali attori, lo sviluppo delle iniziative di istruzione e di prevenzione. Decisivo il ruolo dell’European Lotteries Association.

“Siamo orgogliosi di aver contribuito attivamente a un progetto così ampio come il KCOOS – ha detto Arjan van’t Veer -. La Convenzione Macolin è lo strumento più elaborato per contrastare il match fixing e speriamo possa entrare in vigore al più presto. Tuttavia è fondamentale che gli Stati comincino ad attuare alcune disposizioni fondamentali, come lo sviluppo di piattaforme nazionali, la condivisione delle informazioni e le misure contro le scommesse sportive illegali. Ricordiamo, naturalmente, che la lotta contro i fenomeni negativi nello sport è anche una questione di creazione di valori forti, soprattutto tra i giovani atleti”.

Oltre al KCOOS sono stati conclusi anche altri 3 progetti importanti: il progetto PreCrimeBet, incentrato sulle infiltrazioni criminali nelle scommesse sportive, il progetto BetMonitAlert, che fornisce alcune raccomandazioni tecniche sugli avvisi di monitoraggio e sulle relazioni, e i lavori del Global Monitoring Lottery Monitoring System (GLMS) e della Formula Anti-Match-Fixing.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *