domino messina

Scommesse, operazione “Domino”: 32 indagati a Messina

Sono 32 gli indagati in seguito alla maxi inchiesta “Domino” portata avanti a Messina dalle forze dell’ordine. La conclusione delle indagini preliminari, che seguono l’arresto di 21 persone messo a segno lo scorso 27 marzo al Clan di Mangialupi, è stata firmata dal sostituto procuratore Liliana Todaro: nel registro degli indagati sono risultati iscritti tutti coloro che, a vario titolo, erano risultati implicati nel giro dell’associazione di stampo mafioso che ruotava attorno alla figura di Domenico La Valle.

Ci sono voluti circa due anni per avere chiaro l’intero quadro relativo ai meccanismi che vigevano nella zona di Mangialupi e dei nuovi assetti del clan: un lavoro imponente portato avanti dai finanzieri del GICO del Nucleo di Polizia Tributaria.

Come riportato dall’Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco (AGIMEG), dalle indagini è venuto fuori che La Valle, approfittando della disgregazione della cosca storica, era riuscito ad assumere il controllo totale delle attività di zona, costituendo il punto di riferimento imprenditoriale del quartiere.

Chiaramente, per portate avanti il suo piano criminoso La Valle si è servito di una fitta rete di complici e collaboratori. L’individuo, ritenuto il ‘totem’ dell’attività malavitosa, gestiva una lunga serie di attività economiche: tra queste, spiccano quelle relative alle slot machine e alle scommesse online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *